Ultimi aggiornamenti del sito       La Pratica Osservativa dell\' Allenatore di Portieri nel Settore Giovanile

Grazie per la tua valutazione.

Contattaci tramite questo form.
Email:
Soggetto:
Messaggio

Blog | Pensieri, analisi e riflessioni in libertà

responsiveresponsiveUn diario online in cui condividerò con una periodicità variabile pensieri, opinioni, riflessioni, considerazioni, od altro sul mondo dei Portieri e del Calcio in generale. Affrontare tematiche che spesso sono parte integrante del quotidiano, del lavoro sul campo, dei confronti con colleghi ed appassionati. responsive

La dominanza e la lateralità nel giovane portiere

Un essenziale aspetto da prendere in considerazione in sede di valutazione e quindi di elaborazione della proposta è la corretta comprensione delle caratteristiche coordinative dei soggetti a cui ci dedicheremo: il Portiere dovrà saper esprimere, innanzitutto, una buona abilità motoria ambidestra.

Un essenziale aspetto da prendere in considerazione in sede di valutazione e quindi di elaborazione della proposta è la corretta comprensione delle caratteristiche coordinative dei soggetti a cui ci dedicheremo: il Portiere dovrà saper esprimere, innanzitutto, una buona abilità motoria ambidestra.

Sin dalla più giovane età ogni individuo manifesta nelle proprie gestualità motorie le cosiddette dominanze: esse rappresentano quelle azioni influenzate da organi od arti del nostro corpo che hanno un omologo simmetrico opposto ( occhi, orecchie, arti superiori o inferiori ); questi possono agire in modo complementare ( in questo caso uno dei due è un 'organo direttivo' a cui ci si affida consapevolmente o meno per compiere un' azione ) oppure indipendentemente l' uno dall' altro.

responsive

L' azione del Portiere richiede costanti e continui adattamenti ed affidarsi esclusivamente alle proprie dominanze spesso non porta vantaggi, egli necessita di esprimersi abilmente nella stessa tipologia di azione tecnica sia sul lato destro che sul lato sinistro, utilizzando ambedue le parti del corpo, al fine di raggiungere la massima efficacia ed economicità espressiva.

Nel Giovane Portiere, quindi, è opportuno elevare al massimo tale capacità in tutti gli organi e negli arti che hanno un omologo simmetrico opposto, e sempre nel rispetto delle caratteristiche innate.

Comprendere come agisce il Giovane, in base alle sue caratteristiche di dominanza e di lateralità, equivale a conoscere il proprio atleta, creando i giusti presupposti per lavorare sui punti forti ma soprattutto su quelli deboli, attraverso una lateralizzazione del lato e dell' arto meno abile.

La corretta capacità di lateralizzazione nel nostro Portiere rappresenterà un adattamento intelligente del proprio corpo, tramite un' azione di miglioramento utile per poter realizzare determinate azioni complesse, in modo economico e preciso.

Pin It

Altri post del Blog | Pensieri, analisi e riflessioni in libertà