Grazie per la tua valutazione.

Contattaci tramite questo form.
Email:
Soggetto:
Messaggio

News Mondo Portiere | Notizie varie dal mondo del Portiere

responsiveresponsiveSezione in cui cercherò di raccogliere periodicamente le notizie o le curiosità che attireranno il mio interesse, tratti da web-site tematici in lingua italiana sul mondo del Portiere. Buona lettura.responsive

Scuola italiana dei portieri

Gianluigi Donnarumma

Nell’Inghilterra altomedioevale la famiglia dei Lancaster regnò consecutivamente per 62 anni, dal 1399 al 1461. Enrico VI salì al potere nel 1422 e vi rimase saldamente fino al momento in cui, nel 1455, scoppiò la “guerra delle due rose” tra le famiglie dei Lancaster e degli York per la successione al trono. Enrico fu deposto nel 1461 e da lì ebbe inizio una lunga alternanza al potere tra le due casate.

Al momento dell’ipotizzabile ritiro di Gianluigi Buffon dalla maglia azzurra, dopo i Mondiali di Russia del 2018, è molto probabile che si crei una guerra di successione simile a quella inglese del quindicesimo secolo per ereditare il suo trono. Dal biennio 1998-2000 Buffon è infatti ininterrottamente considerato l’indiscusso portiere titolare della Nazionale italiana. La sua presenza in campo ha negli anni travalicato i meriti sportivi fino a diventare una figura sempre più mitizzata e rassicurante nel pacchetto difensivo e nello spogliatoio della Nazionale. Buffon ha assorbito le attenzioni dei giovani talenti della porta e ha polverizzato un’intera Lost generation di tutti i Numero Uno azzurri nati prima degli anni Novanta.

Le nuove rivelazioni

La stagione 2015-16 ha permesso a due nuove figure di inserirsi nell’ambiziosa lotta al titolo platonico – e abusato – di “Buffon del futuro”. Pierluigi Gollini aveva già esordito in Serie A con il Verona nella quarta giornata della stagione precedente (sostituendo gli indisponibili Rafael e Benussi nel match casalingo contro il Genoa), ma il campionato in corso ha permesso a Gollini di affermarsi come titolare dopo le sole 3 presenze del 2014-15. Il grande shock l’opinione pubblica lo ha però subito con il debutto e l’esplosione di Gianluigi Donnarumma, chiamato a proteggere la porta del Milan a 16 anni.

L’impatto che Donnarumma ha avuto con il calcio italiano ha messo in crisi la pletora di portieri che si erano messi in fila. Il campano ha sgomitato tra i vari Bardi, Leali, Scuffet, Cragno (al quale ha recentemente tolto il posto di titolare nell’Under 21), Sportiello, fino a diventare una minaccia per Mattia Perin che molti consideravano già Il Futuro.

.........continua nella lettura

di Federico Principi
 
Pin It

Altre Notizie | Notizie varie dal mondo dei Portieri